Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for Mag 2012

Carissimi amici della Fondazione Francesca Rava, sono tornato dall’Honduras e desidero condividere con voi la mia meravigliosa esperienza. Si dice che ci si abitua alle emozioni, ma io, anche dopo i miei innumerevoli viaggi, non ci sono ancora riuscito. In ogni posto ho lasciato una parte di me! Per ogni partenza, a parte quelle legate al tragico evento del terremoto, c’è sempre una programmazione e la necessità di risolvere vari problemi di logistica. Come sempre quindi, prima di partire, cerco informazioni sul posto in cui devo recarmi: l’Honduras è uno dei paesi più violenti dell’America e il secondo più povero dopo Haiti. Niente di nuovo per me: se sono partito per conto della Fondazione è perché sicuramente si tratta di un posto in cui c’è bisogno di aiuto. E’ un paese ,infatti, dove la violenza la percepisci dalle stesse persone: pochi sorrisi e alla sera c’è una specie di coprifuoco. Ad Haiti, pur con i suoi innumerevoli problemi, la gioiosità delle persone non manca mai. L’Honduras è un paese dove, tanto per restare in tema con il mio lavoro, è più facile trovare cocaina che farina, così diverso dall’idea che un noto programma televisivo ha dato della sua parte caraibica!

Alla Casa-orfanotrofio un gruppo di bambini piccoli ci stavano aspettando davanti al nostro alloggio: tutti con un cappello da cuoco e un cartello tricolore con la scritta  “Bienvenidos”. Dagli abbracci e sguardi ho capito che ci aspettavano con impazienza; sicuramente c’era tanta curiosità di vedere in funzione quello strano container bianco arrivato giorni prima  dall’Italia  con il logo della Fondazione . Mi accorsi subito di non averli delusi: era proprio un tipo come me che aspettavano! un uomo piuttosto in carne, con i baffi, proprio come quello che era disegnato sui sacchi di farina con la scritta “panadero”. Ecco, era arrivato il panadero! Durante la notte, a causa del fuso orario, ma forse per la preoccupazione di deluderli, non ho dormito. Ho cominciato a pensare a una ricetta per il giorno seguente. Di solito non preparo a casa nessuna ricetta ma aspetto di vedere che tipi di farine avrò a disposizione. In più era anche la prima volta che non conoscevo la tipologia delle attrezzature che avrei trovato perché, proprio durante l’invio del container, mi stavo occupando di quelli inviati a  Fond-des-Blancs ad Haiti.

Al mattino ho conosciuto i ragazzi che mi avrebbero dovuto affiancare e che avrei dovuto formare nel lavoro della panetteria. Ci siamo messi al lavoro: 5 ragazzi al mattino e 5 al pomeriggio; il forno era di piccole dimensioni come anche l’impastatrice: una struttura ideale per la formazione dei futuri panettieri, ma di una capacità produttiva limitata in relazione ai tanti bambini e volontari presenti nella struttura. Considerata la tipologia del forno, ho optato per la produzione di filoni da 1 kg che poi, per soddisfare l’appetito di tutti, sarebbero stati tagliati a fette Mi sono ingegnato come ho potuto: nella scuola professionale dell’orfanatrofio – settore falegnameria – sulla base di un piccolo schizzo, immediatamente mi hanno fatto una pala per infornare e sfornare. I ragazzi mi guardavano sorpresi con questo strano attrezzo a forma di mazza da cricket!

Abbiamo così iniziato a lavorare. Mi sono accorto subito di avere a che fare con dei ragazzi molto svegli, abituati a lavorare. In questa Casa-orfanatrofio, infatti, c’è una vera fattoria in cui i bambini a turno lavorano dopo gli impegni scolastici. Niente di particolarmente pesante, ma lavori da svolgere con cura. Nonostante l’impegno che si prefigurava, la felicità nei loro volti era invidiabile e difficilmente traspare nei nostri ragazzi. Permettetemi una considerazione: tutti i nostri vecchi ci raccontano dei molteplici impegni che avevano da bambini, anche lavori abbastanza duri, e ci dicono che in gioventù hanno patito molto la fame, ma nessuno era infelice.

Mentre lavoravo con i ragazzi, ho chiesto loro da quanto tempo fossero in questa struttura. Alcuni ne parlavano con piacere, altri no, come se avessero chiuso con il loro passato o perché troppo piccoli per ricordarsene. Maria Luisa, una delle ragazze della panetteria, è nella Casa con due sorelle e all’età di 10 anni ha assistito all’assassinio di suo padre e alla fuga della madre; mi raccontava che, diventata grande, con le sue sorelle sarebbe andata a cercarla e, se lei lo avesse voluto, l’avrebbero anche aiutata. Invece Carlos non avrebbe cercato il padre che, da ubriaco, gli aveva procurato quelle cicatrici di cui era pieno; anzi, forse, se lo avesse incontrato lo avrebbe menato. Mi immagino le sofferenze e le umiliazioni che deve aver provato, visto anche i segni sul suo corpo!

I bambini della casa NPH

Il pane era bellissimo; ho optato per un impasto di farina bianca di grano tenero e una parte di farina integrale ricca di fibre, con una percentuale di olio vegetale. Dopo le prime distribuzioni ho avuto anche conferma che era molto buono: ormai ero il mito dell’orfanatrofio, “el panadero” che faceva il pane “muy rico” .

I bambini mi correvano incontro e mi abbracciavano! Non potete capire, ma è una sensazione bellissima essere ancora una volta la persona giusta al posto giusto!  Gli ultimi giorni mi sono limitato ad osservare i ragazzi che facevano praticamente tutto da soli: riuscivamo a fare 90 filoni da 1 Kg! Un miracolo per le dimensione del forno! I filoni venivano divisi in 12 fette, che bastavano per la prima colazione e la cena; a mezzogiorno, tanto per non perdere l’abitudine, venivano servite  le tortillas ma i bambini non le volevano più perché  preferivano il pane del panadero. E sarò di parte, ma c’era anche una bella differenza!

Non so se potete capirmi, ma l’emozione della partenza è stata grande e forse, leggendo queste mie riflessioni, ci riuscirete. I bambini e i ragazzi che mi salutavano con un ciao (ormai chi si avvicinava alla panetteria non parlava più in spagnolo). Quando ritornerò avrò migliorato il mio spagnolo, ma sono sicuro che sicuramente qualcuno parlerà l’Italiano.

Grazie Mariavittoria, grazie Fondazione Francesca Rava per questa ulteriore esperienza! Dobbiamo sforzarci tutti per far sopravvivere queste realtà che sono un paradiso per bambini sfortunati. Le Case  N.P.H. sono sicuramente il posto migliore in cui un bambino possa essere accolto.

Leggi qui l’articolo apparso il 21 Maggio 2012 sulla Gazzetta di Mantova.

20120521_GazzettaDiMantova_PanetteriaHonduras

Marco Randon con i bambini della Casa NPH Honduras

Annunci

Read Full Post »

Valeria Lenner, nostra coordinatrice del progetto Francisville-città dei mestieri in Haiti è arrivata nella casa NPH Rancho Santa Fe  in Honduras, per aprire insieme al nostro caro volontario Marco Randon, imprenditore della panificazione, una panetteria mobile che abbiamo donato e inviato dall’Italia per la comunità di N.P.H. Honduras, attualmente costituita da circa 470 bambini  e dai 180  componenti dello staff che li assistono.

I bambini della Casa NPH in Honduras con Marco Randon e Valeria Lenner

L’esperienza della panetteria in Honduras segue quelle già avviate in Haiti, dallo stesso Randon lo scorso ottobre  nella comunità rurale di Fond de Blanc e nella baraccopoli della capitale Port au Prince nel gennaio 2012. Le panetterie mobili sono infatti “figlie” della filosofia di Francisville – città dei mestieri, il centro produttivo e di formazione professionale della Fondazione Francesca Rava in Haiti, che insegna un mestiere e da lavoro a decine di ragazzi producendo pane, pasta, burro d’arachidi, uniformi e banchi per le scuole di strada, servizi come riparazioni e autolavaggio di mezzi e cliniche mobili.

Attualmente Marco (chiamato affettuosamente Marcos dai bambini) sta insegnando a 12 ragazzi più grandi della Casa a fare il pane, sfornando 90 filoni da 1 kg che tagliati in 12 fette da 70 gr cad. riescono a sfamare i bambini accolti risparmiando sui costi di acquisto di altri prodotti tipo tortillas.

Marco Randon al lavoro con due ragazzi nella nuova panetteria

Uno dei bimbi con Marco(s) e il suo pane

Gli  obiettivi del progetto sono quelli di creare una unità di produzione di pane e prodotti da forno auto sostenibile, indipendente e ripetibile, aumentare le caratteristiche nutritive dei pasti somministrati ai bambini della comunità NPH Honduras e raggiungere una capacità produttiva che permetta di destinare parte del prodotto alla vendita, ad un prezzo equo, nella comunità circostante creando un business solidale  e fornendo un prodotto fresco e di qualità.

Il loro pane infatti, tagliato in pezzi da cinque e riposto in sacchetti di plastica, è stato venduto durante una festa che ha coinvolto la comunità locale, parenti e amici dei bambini, fruttando 20 lps (€ 0,84) per ogni filone integrale venduto e 25 lps (€ 1) per quelli con l’uva passa.

I bambini tagliano il nastro alla cerimonia di inaugurazione della panetteria

I bambini con Marco davanti alla panetteria

Rancho Santa Fe è dotato di scuola materna, scuola primaria e secondaria, con biblioteca e un nuovo laboratorio di scienze per gli esperimenti di chimica, fisica e biologia, essenziali per consolidare l’apprendimento. Sono stati attivati anche diversi laboratori professionali dove si tengono corsi di apprendistato per imparare il mestiere di calzolaio, falegname, muratore, elettricista, sarto, parrucchiere, cuoco.

Grazie alla fattoria, con coltivazioni e allevamenti di polli, mucche e suini, la Casa produce  mais, carne, latte e uova: l’obiettivo è arrivare all’autosostentamento alimentare.

All’interno della struttura vi sono anche una clinica con personale medico ed infermieristico a disposizione dei pazienti più gravi ed un laboratorio per le vaccinazioni ed i test di prevenzione; vi è anche un laboratorio dentistico. Tre nuove sale operatorie sono utilizzate da team medici (200 operazioni l’anno, soprattutto ortopediche) al servizio della comunità NPH, anche con pazienti provenienti da Guatemala e Nicaragua. La Casa è dotata anche di una casa che accoglie i bambini con disabilità fisiche o mentali, chiamata Casa de lo Angeles, la Casa Pasionista in cui vengono assistiti le mamme o i papà dei bambini, malati terminali di Aids, e la Casa Eva, unica nel suo genere anche nel mondo N.P.H., in quanto accoglie anziani, nonne e nonni dei piccoli, che non sono più autosufficienti e non hanno parenti che li aiutino: così, mai come qui, N.P.H. dà proprio l’idea di essere una grande famiglia e non è difficile vedere i bambini fermarsi a chiacchierare con loro o aiutarli a camminare.

Per maggiori informazioni CLICCA QUI

Aiutaci!

Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus

tel. 02/54122917www.nph-italia.org

IBAN: IT 39 G 03062 34210 000000760000

Dona Subito!

Causale: Casa Honduras

Read Full Post »